Lo scopo di questa guida è svelarti come si calcola il ROI Facebook Ads.

Andiamo per ordine: prima di fare calcoli, chiariamo il significato di ROI. Cos’è?

Tecnicamente, è la metrica più importante da misurare quando si vogliono lanciare campagne di advertising su Facebook. Se vuoi promuovere i tuoi prodotti o servizi, devi sapere esattamente come calcolarlo e anche come incrementarlo.

Non si tratta di un’opzione: è una priorità se vuoi che funzioni come il migliore dei tuoi alleati.

ROI è l’acronimo di Return On Investment, tradotto in “ritorno sull’investimento” o resa di un investimento. Indica, quindi, la redditività e l’efficienza delle tue campagne ads sul social network di Mark Zuckerberg.

Cercheremo di spiegarti, in maniera chiara e semplice, il metodo per calcolarlo in anticipo se vorrai guadagnare ed investire al meglio sulla tua pubblicità social.

Ti servirà per stimare il guadagno di ogni tua campagna di social marketing.

Dai risultati che otterrai potrai individuare quali tipologie di campagne hanno successo e quali non funzionano per ottimizzare la tua strategia. O, al limite, decidere se continuare a puntare su Facebook o scegliere altri strumenti come Google Adwords o la SEO.

Continua a leggere.

ROI Facebook Ads: usa Pixel di FB, Azioni standard, Creator Studio

Stabilire a priori quale possa essere il ROI di una campagna pubblicitaria su Facebook Ads è una missione impossibile. Nessuno ha la “sfera di cristallo”.

Tutto quello che si può fare è calcolare stime il più possibile accurate.

Apriamo e chiudiamo una parentesi importante.

Il ROI Facebook Ads si può calcolare su un investimento che generi vendite dirette, guadagno reale. Non può funzionare per campagne finalizzate a far conoscere un brand.

Il denominatore del calcolo che ti sveleremo tra poco è il budget investito nella tua campagna pubblicitaria su Facebook.

E’ un importo senza IVA (visto che il social network fattura oltre confine), quindi dovrai considerarlo per intero.

Ti consigliamo di sfruttare uno strumento importante, il codice Pixel di Facebook. Si tratta di un codice javascript da inserire sul proprio sito. Serve a monitorare ciò che accadrà sul sito dopo che gli utenti avranno cliccato sull’annuncio pubblicitario.

FB rende disponibile un’altra funzione: le Azioni standard, che consistono in altre righe di codice javascript. Servono a comunicare a Facebook dettagli importanti, ad esempio la conclusione di un ordine di acquisto (per un sito di e-commerce).

Comunicando al social network l’importo complessivo del carrello, il social potrà eseguire il monitoraggio sia delle vendite sia dei relativi importi.

In questo modo, avrai un dato in più su Facebook Ads oltre al capitale investito: il fatturato che ha generato (comprensivo di IVA).

Il primo step per creare una campagna di Adv su Facebook è Creator Studio. Si tratta di uno strumento gratuito che permette una gestione semplificata e unificata di più pagine, dei relativi contenuti e messaggi in arrivo. Consente di vedere, filtrare e gestire in un unico flusso i contenuti pubblicati nelle pagine Facebook, di analizzare gli Insights con eventuali guadagni ottenuti tramite il sistema di monetizzazione di FB. Il tutto in un’unica interfaccia.

Grazie a Creator Studio si possono reperire con facilità vecchi contenuti e relative performance. E’ possibile scoprire quali sono i contenuti più efficaci, le persone raggiunte e quelle che hanno interagito.

Una volta eseguito l’accesso, dovrai scegliere l’obiettivo della tua campagna di web marketing (ad esempio, ‘conversioni’), la scelta del budget o del pubblico.

Considera, soprattutto, i dati che avrai a disposizione per calcolare il ROI.

ROI: quali dati considerare per il calcolo

Quando calcoli il ROI Facebook Ads considera sempre che, di solito, per ogni euro investito potrai generare tra le 5 e le 20 visite sul tuo sito web.

Impostando una campagna pubblicitaria corretta su Facebook e sponsorizzando un sito già ben avviato con prezzi competitivi, il tasso di conversionevisite/vendite può oscillare tra 0,5% e 2%.

Avendo come dati il carrello medio (calcolato dalle vendite andate in porto) e la percentuale di margine, puoi aggiungerli per calcolare il ROI.

Nel calcolo, non inserire mai l’IVA.

Per avere un’idea di guadagno e redditività anticipata, ti riportiamo di seguito i dati da tenere a mente per il calcolo del ROI: ti consigliamo di inserirli in un apposito foglio Excel:

budget giornaliero di investimento partendo da un minimo di 5 euro;

numero di conversioni ovvero di persone che statisticamente potrai raggiungere o stimato dal social network. Sarà sufficiente compilare la sponsorizzata senza attivarla per ottenere questo dato. Facebook genera automaticamente un numero massimo e uno minimo di conversioni/persone raggiunte in base ai dati storici. Ti consigliamo di annotare entrambi i numeri e anche la media che avrai calcolato;

prezzo del prodotto/servizio che vuoi vendere;

– il valore del potenziale acquirente acquisito (lead). Questo valore è il risultato del prezzo del tuo prodotto/servizio riferito al tasso storico degli acquisti da lead. Se sei alla tua prima volta e non puoi, quindi, fare statistiche, inserisci un valore standard dello 0,5% giusto per avere una misura su cui basarti.

Inserendo questi dati, il Modello Excel del calcolo ROI ti restituirà il valore che ti interessa.

Il risultato ti mostrerà in percentuale quanto profitto è stato generato per ogni euro investito. Se vorrai migliorarlo, dovrai intervenire riducendo i costi o aumentando i ricavi.

Come si calcola il ROI Facebook Ads

Il ROI si calcola sottraendo al fatturato i costi.

In tal modo, si otterrà il “margine lordo”, ovvero il guadagno generato dalla campagna pubblicitaria al netto dei suoi costi.

In seguito, dovrai dividere questo margine lordo per l’importo totale del budget investito ed è così che otterrai il ROI.

Se intendi calcolare il ROI in percentuale dovrai moltiplicare il risultato per 100.

Nel paragrafo precedente, ti abbiamo elencato i dati necessari per procedere al calcolo del ROI Facebook Ads.

A questo punto, facciamo un esempio pratico.

Investi 1.000 euro per una campagna Facebook Ads ed hai già inserito il Pixel sul sito per il sistema di tracciamento. Hai generato vendite per 2.000 euro (IVA inclusa).

Facciamo un primo calcolo: dai 2.000 euro di vendite toglierai l’IVA e i costi della merce venduta.

Sapendo che sulla merce hai un margine del 40%, a fronte di 2.000 euro di vendite ed un fatturato di 1.639 euro, risulterà che la tua campagna ha generato 655,74 euro di margine lordo.

Dividendo i 655,74 euro di margine lordo per 1.000 euro di investimento, si otterrà un ROI del 66%.

Questo è solo un esempio, considerando che solitamente le percentuali di ROI sono molto più basse.

E’ anche vero che tutto dipende dal prezzo di ogni tuo singolo prodotto o del carrello.

Investendo 1.000 euro su Facebook, in media si possono generare dalle 1.000 alle 3.000 visite al tuo sito web.

Emilio Vincenzo Bonura

Author Emilio Vincenzo Bonura

Ciao sono Emilio Bonura, Social Media Manager. Mi è sempre piaciuto osservare attentamente e mettermi nel ruolo del cliente, comprendendo la sua storia per costruire la strategia più efficace. L’osservazione e l’analisi sono i miei primi punti di forza. Ed è questa la chiave della mia professionalità.

More posts by Emilio Vincenzo Bonura